Loading...

Prima del trasloco occorre attivare un nuovo contratto di fornitura di energia elettrica e/o di gas? Queste operazioni richiedono costi e tempistiche differenti. Vediamo quando bisogna richiedere il subentro o la voltura al fornitore.

Differenza tra voltura e subentro gas

A tutte le persone che hanno eseguito un trasloco almeno una volta nella loro vita sarà capito di domandarsi che differenza c’è la voltura e il subentro dell’utenza. La voltura è quell’operazione che richiediamo al fornitore di metano quando nella nuova casa è attiva la fornitura di gas ma il contratto è intestato al vecchio inquilino.

Il subentro è quell’operazione che si deve richiedere al fornitore quando il contatore è stato disattivato. Prima di contattare il fornitore vi consigliamo di confrontare le tariffe presenti sul mercato che variano a seconda del gestore.

Voltura luce, quando si deve richiedere

La voltura è un’operazione che viene richiesta al fornitore di energia elettrica quando il contratto della luce è ancora intestato al vecchio inquilino e il contatore è attivo. Nel caso in cui voleste cambiare il fornitore e non accettare le condizioni contrattuali del precedente intestatario, potete rivolgervi a un altro operatore e valutare bene le offerte presenti nel mercato. Una volta effettuata la voltura, potete contattare un nuovo fornitore per l’offerta luce che più si adatta alla vostre esigenze. Lo stesso fornitore, firmato il contratto, invierà la disdetta al vecchio operatore.

I costi della voltura dell’energia elettrica cambiano a seconda del mercato di riferimento: mercato libero e di maggior tutela.

Tempistiche della voltura luce

Per non rimanere senza luce, vi consigliamo di anticipare la richiesta per la voltura almeno due settimane prima del trasloco. Infatti, la voltura è attiva dopo circa 7 giorni lavorativi dall’invio della richiesta al fornitore.

Prima di chiamare, dovrete avere le ultime bollette per fornire i dati necessari. Dovrete comunicare:

  • il codice relativo all’utenza (POD);
  • l’indirizzo di fornitura;
  • il codice fiscale del vecchio intestatario;
  • i dati personali del nuovo intestatario.

Subentro energia elettrica, costo e come si richiede?

Se il contatore è stato disattivato, allora per riattivare il contratto di fornitura di energia elettrica dovrete effettuare il subentro, almeno una settimana prima del trasloco.
Dovrete richiedere un nuovo contratto di luce al fornitore da voi scelto. Per ottenere la riattivazione del contatore, ARERA ha previsto un tempo massimo di 7 giorni. Nel caso in cui il distributore non dovesse adempiere a queste tempistiche, il cliente ha diritto a un risarcimento che prevede rimborsi diversi a seconda dei ritardi:

  • 35 euro;
  • 70 euro;
  • 105 euro.

I costi del subentro luce

Quanto costa effettuare un subentro? Anche in questo caso, il costo di questa operazione dipende dal tipo di mercato che si è scelto.

Per il mercato tutelato, i costi da sostenere sono:

  • 23 euro contributo fisso;
  • 26,13 euro oneri amministrativi;
  • eventuale deposito;
  • 16 euro imposta di bollo.

I costi per il subentro nel mercato libero sono:

  • quota di servizio che varia a seconda del fornitore (20-60 euro);
  • 26,13 euro contributo per oneri.

Disdetta Contratto Luce e Gas

La disdetta del contratto di fornitura di energia elettrica e gas per un cliente domestico può essere richiesta con un preavviso di massimo un mese. Se state traslocando, potete disdire il vostro contratto luce o gas chiamando direttamente l’operatore o inviando il modulo di disdetta compilato. Dopo avere comunicato le vostre intenzioni, dovrete ricevere una conferma di ricezione da parte del fornitore.

Sarà poi l’operatore a mettersi in contatto con il distributore locale entro 2 giorni lavorativi. Il distributore, a sua volta, dovrà chiudere il contatore della luce (da remoto) entro 5 giorni lavorativi. Per il gas le tempistiche e i costi dipendono dal distributore locale.

Se la chiusura avviene oltre il tempo previsto, avete diritto a un rimborso:

  • 35 euro entro il doppio del tempo previsto;
  • 70 euro entro il triplo del tempo previsto;
  • 105 euro oltre il triplo del tempo previsto.

Il costo della cessazione della fornitura è differente nei due mercati:

  • Mercato libero: varia a seconda delle condizioni contrattuali (20-50 euro);
  • Mercato tutelato: 23 euro.

Se, invece, non siete soddisfatti del servizio fornito dall’operatore, potete cambiare fornitore in qualsiasi momento. Una volta sottoscritto un contratto con una nuova società, questa si occuperà di avvisare il vostro vecchio fornitore riguardo la disdetta.

Per tutte le informazioni vai su https://luce-gas.it/

Durante il lockdown è possibile traslocare e ristrutturare casa


Sono molte le persone in procinto di traslocare durante pandemia da Coronavirus che ha bloccato tutto, intralciando il percorso chi ha acquistato casa, la voleva ristrutturare o era pronto a trasferirsi nell’abitazione dei propri sogni. E la domanda è ancora la stessa: si può traslocare o ristrutturare casa in questo periodo di lockdown ?


Il trasloco è sicuramente una necessità, talvolta improrogabile e indifferibile, cioè scaturito da una situazione necessaria, urgente e comprovabile, ed effettuato da una ditta iscritta all’albo trasportatori, questa attività rientra tra quelle consentite.  Devono essere sempre rispettate le prescrizioni dettate dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 marzo 2020 per quello che concerne l’uso di dispositivi di protezione individuale e la distanza interpersonale.“

Quindi la vostra domanda trova risposta affermativa è possibile traslocare durante il lockdown.

In caso di ristrutturazioni, soprattutto in tempo di Bonus 110% ed agevolazioni fiscali vi garantiamo il nostro servizio deposito sicuro https://www.lasicuratraslochi.com/services/deposito-custodia/

Compila il form per ricevere tutte le informazioni

    Tuo Nome (required)

    Tua Email (required)

    Oggetto del messaggio:

    Il Tuo Messaggio

    Traslocare in zona rossa è possibile seguendo tutte le indicazioni e solo affidandosi a ditte in possesso di tutti i requisiti.

    Nuovo DPCM torna obbligatoria l’Autocertificazione per traslocare.

    Con l’entrata in vigore del nuovo dpcm, fino al 6 Aprile 2021 tornerà obbligatorio il modulo di autocertificazione per traslocare in zona rossa.

    Bisognerà compilarlo per giustificare gli spostamenti nelle zona arancioni e rosse in cui sono permessi soltanto per comprovate esigenze di lavoro, salute o necessità.

    L’Autocertificazione andrà compilata inserendo tutti i dati prima di spostarsi, resta fatto che durante l’eventuale controllo delle forze dell’ordine, potrà essere compilato in itinere.

    Queste le occasioni in cui sarà necessario dichiarare il motivo per cui ci si sta spostando:

    • dalle 22 alle 5 in tutta Italia, orario in cui sarà in vigore il coprifuoco
    • quando ci si sposta da e verso una regione considerata zona arancione o rossa, cosa che sarà concesso fare soltanto per comprovare esigenze lavorative o sanitarie
    • quando, in un territorio considerato zona arancione o rossa ci si sposta fuori dal territorio di residenza o domicilio
    • quando, in una zona rossa, si circola all’interno del territorio in cui si risiede.

    In merito alla possibilità di traslocare nelle zone rosse, è possibile traslocare senza incorrere in multe o contravvenire alle Ordinanze affidandosi ad aziende con tutti i requisiti necessarie per operare durante l’emergenza sanitaria. Saranno infatti le ditte come La Sicura Traslochi in possesso di tutti i requisiti e documenti necessari per traslocare, ad indicarvi l’iter per non incorrere in sanzioni.

    Le fasi del trasloco devono avvenire nel rispetto delle misure anti-Covid:

    • vietato farsi aiutare da amici e conoscenti non conviventi;
    • indossare sempre la mascherina protettiva (sia dentro casa che all’aperto) in presenza di non conviventi;
    • rispettare la distanza di sicurezza in auto o furgone. Significa che tra passeggeri e guidatore deve essere garantito il metro di distanza, tranne tra conviventi.

    Per i traslochi dalla zona rossa e arancione serve sempre l’autocertificazione, anche se si viaggia verso un comune compreso nell’area gialla.

    Per tutte le informazioni compila il form e vi contatteremo

      Tuo Nome (required)

      Tua Email (required)

      Oggetto del messaggio:

      Il Tuo Messaggio